sinossi

Un gruppo di ciechi, smarrito in un selva, aspetta il ritorno della guida, un vecchio prete morto a loro insaputa. Il tempo dello spettacolo si consuma nell’ attesa, mentre l’imprevedibile è alle porte. Qualcuno prega: “Dio Mercato che sei altrove, dacci oggi la nostra de-realizzazione quotidiana, de-evolvici, de-civilizzaci. Dacci numeri, algoritmi, ferocia matematica e accumulazione di niente in forma di denaro, trasforma le forme fisiche in dissolvenza d’immagini, nascondi la verità ai nostri occhi e facci sparire nel buco nero dell’accumulazione finanziaria.”

note

I Ciechi raccontano di noi.  Il testo originale è del 1890, letto da sempre come metafora della morte di un dio invocato e assente. Oggi la questione è un’altra: dichiariamo tutti la necessità di una guida, ma ne facciamo tranquillamente a meno. La credenza non dichiarata è quella nell’infallibilità di un sistema finanziario che ha gli stessi attributi di Dio: onnisciente, onnipotente, invisibile. I “doni” offerti dal mercato dei beni consumabili e infinitamente ri-creati (che cos’è la possibilità di rimpiazzare un cellulare con un altro se non l’equivalente di una resurrezione) sono la manifestazione della sua bontà. La pubblicità non dice altro che: Dio/Mercato è Amore. Le nostre esistenze virtuali (si comincia a pensare a chi erediterà il nostro profilo post-mortem) sono una beatificazione in vita.

Il supporto materiale è semplicemente infelice; più o meno tutti facciamo quotidiani test di resistenza; fino a quando reggerà il sorriso al pungolo della rabbia e della depressione? Gli stati nazionali testano le frontiere, anche loro.

Al’interno la situazione si approssima a quella di un condominio (ben gestito) con i vicini che iniziano ad averne abbastanza l’uno dell’altro: odii invisibili.

Che accade in scena? E che può mai succedere? La conversazione evita il silenzio, ma è chiaro che non se ne può più.

Maeterlinck chiudeva la pièce con un’invocazione: “Abbiate pietà di noi!”; i nostri sussurrano: “Non abbiate pietà di noi…”. La speranza è l’ultimo inganno.

link

link>>intervista – Tact Festival 2016 

 

in scena

Cinzia Annunziata/Giorgia Dell’Aversano, Giovanni Esposito, Michelangelo Esposito, Fabio Faliero, Giuseppe Giannelli, Valeria Impagliazzo, Lisa Imperatore, Vincenzo Liguori, Valentina Iniziato

 

musiche originali Duilio Meucci

voce fuori campo e aiuto regia Patrizia Eger

disegno luci Cinzia annunziata, Fabio Faliero

grafica e video EXSTUDIO

regia Massimo Finelli

 

scheda tecnica

Durata :50′

Testi tutelati dalla S.I.A.E.: No

Musiche tutelate dalla S.I.A.E.: No

Mixer audio +  amplificazione da sala

5 pc 1000 watt + 1 videoproiettore

Dimensioni minime palco 4m x 4 m

contatti

mail exstudio@libero.it

/ Free Portfolio Plugin for WordPress by Silicon Themes.